Arte, Fotografia, Disegni e Progetti di Architettura Collezione Francesco Moschini e Gabriel Vaduva A.A.M. Architettura Arte Moderna
Collezione | Storia della Collezione | Pubblicazioni con opere della Collezione e documenti dell'archivio FFMAAM | Mostre Pubbliche con opere della Collezione e documenti dell'archivio FFMAAM | Recensioni

Biografia dell'autore

Massimo Scolari (Novi Ligure 1943) si laurea in Architettura a Milano nel 1969.
Decidendo di non svolgere attività professionale come architetto, si dedica alla ricerca ed all’insegnamento, iniziando nel 1969 come assistente nel corso di Composizione Architettonica tenuto da Aldo Rossi. Tra il 1973 e il 1983 è professore incaricato di Disegno e Rilievo presso lo I.U.A.V.; nel 1973 è professore incaricato di Storia dell'Architettura alla Facoltà di Architettura di Palermo.

A partire dal 1983 è professore Associato di Disegno allo I.U.A.V., dove diviene, nel 1986, professore Ordinario. Parallelamente svolge l'attività di docente come visiting critic e visiting professor in università europee ed americane. L'esperienza universitaria di M. Scolari è accompagnata da un’intensa attività editoriale (redattore e direttore di redazione di «Controspazio»,1969-73; redattore esterno di «Casabella», 1982-1992; direttore di «Eidos», 1986-95). Ha partecipato a numerosissime mostre sia in Italia che all'estero, realizzando inoltre diverse installazioni nell’ambito della Biennale di Venezia (1984, 1991, 1992, 1996) e della Triennale di Milano (1986).

La sua attività di ricerca trova riscontro in numerose ed importanti pubblicazioni, alcune delle quali sono divenute fondamentali (si vedano gli scritti sulla rappresentazione assonometrica e sul modello architettonico) nell'ambito degli studi sulla teoria della rappresentazione dell'architettura. E’ importante sottolineare la centralità del disegno come luogo in cui si condensano gli aspetti storici, costruttivi e progettuali del fare architettura. Le figurazioni grafiche di Scolari (così come i modelli) nella loro mancanza di necessità di un rapporto immediato con una realtà costruita "invitano a scoprire un nuovo ‘territorio’ del progetto che esclude la presenza del soggetto abitante, ma virtualmente ‘abitabile’ solo da architetture rappresentate.”

Gli acquerelli, quasi sempre di piccole dimensioni, invitano ad una visione ravvicinata che permette di coglierne l'elevato dettaglio. I soggetti indagati sono fondamentalmente macchine ed archetipi urbani, scelti per la loro capacità evocativa. «L’Arca», strettamente legata alle raffigurazioni di A. Kircher, è una delle tappe dell’indagine di Scolari sull’immagine dell’arca di Noè che sfocerà nella realizzazione di un grande modello in scala, sul tema della “Stanza del collezionista”, in occasione della XVII triennale di Milano (1986).

Nicolò Sardo

 

Massimo Scolari (1943). Graduate in architecture in Milan in 1969.
In 1973 he started teaching History of Architecture in Palermo and History and Technique of Drawing at the Istituto Universitario di Architettura di Venezia (IUAV). He became Associate Professor in 1983 and a Full Professor in 1986.

His studies on representation were published by Marsilio in Il disegno obliquo (2005). Between 1975 and 1993 he was Visiting Professor in various universities among which: Cornell University, Cooper Union N.Y., Institute for Architecture and Urban Studies N.Y., Technische Universität Vienna, Harvard University, Cambridge. From 2006 is Davenport Visiting Professor at the Yale School of Architecture.

Editor of “Controspazio”, “Casabella”, “Lotus International”, director of “Eidos” (1989 – 1995) and the series of architectural books by Franco Angeli (1973-1988). From 1989 to 2011 he designed furniture for Giorgetti where he was also the art director until 2001.
He has held exhibitions in Europe, Japan, Russia and the United States. His works are in the permanent collections of the MoMa (New York), of the Teheran Museum of Contemporary Art, of the Deutsches Architektur Museum (Frankfurt) and of the Centre Pompidou (Paris). He realized installations for the Venice Biennials 1980, 1984, 1991, 1996, and 2004 and at the Milan Triennials in 1973 and 1986.

 

In 2001 he resigned from the italian university. He gained a pilot’s license in the same year. In 2007 Skira has published a monograph on the occasion of his personal exhibition at the Civic Museum in Riva del Garda now translated into english for the Exhibition at the Yale School of Architecture (February-May 2012) and at the Cooper Union (October-November 2012). He lives in Venice.